OpenSea aggiorna la lista delle nazioni proibite 2022

OpenSea, un mercato di oggetti da collezione digitali basato su Ethereum blockchain, ha apportato alcune modifiche ai propri termini di utilizzo.
Il mercato NFT OpenSea ha aggiornato l'elenco delle nazioni proibite, confermando che l'elenco si basa sulle sanzioni statunitensi.

L'annuncio è una novità per OpenSea, che fino a poco tempo fa non aveva preso posizione sui venditori provenienti da paesi sanzionati.

Fondato nel 2017 e con sede a San Francisco, OpenSea rimane il più grande marketplace NFT del mondo, ospitando oltre $22 miliardi di vendite dal suo inizio. Mentre OpenSea non consente alle entità cinesi di vendere sulla sua piattaforma a causa delle sanzioni statunitensi, questa è la prima volta che prende posizione nei confronti dei singoli venditori.

Il divieto significa che chiunque risieda in Crimea o in Iran sarà bloccato nell'accesso al sito utilizzando il proprio indirizzo IP. Gli utenti possono comunque accedere al sito tramite una rete privata virtuale (VPN).

Il cambiamento sarà probabilmente accolto con favore da molti utenti di OpenSea, che da tempo non si sentono a proprio agio con le vendite provenienti da nazioni vietate.
Secondo i nuovi termini di servizio, Russia, Iran e Corea del Nord sono tra i Paesi che non possono più utilizzare la piattaforma. L'elenco si basa sulla lista delle sanzioni dell'Office of Foreign Assets Control (OFAC) del Dipartimento del Tesoro statunitense.

Le modifiche sono il risultato di un'indagine condotta da Decrypt per verificare se OpenSea stesse bloccando l'utilizzo della sua piattaforma da parte di Paesi sottoposti a sanzioni.

Il fondatore di OpenSea, Devin Finzer, ha dichiarato a Decrypt che l'azienda non ha mai bloccato utenti provenienti da Paesi sottoposti a sanzioni. Tuttavia, Decrypt ha scoperto almeno un caso in cui un utente è stato bloccato perché si trovava in un Paese vietato, che si è rivelato essere l'Iran.

Finzer ha dichiarato che a un certo punto, tra la fine del 2018 e l'inizio del 2019, OpenSea ha iniziato a bloccare gli utenti con indirizzi IP provenienti da Paesi sottoposti a sanzioni OFAC a causa di "alcuni requisiti di conformità di terze parti che avevamo in quel momento",
Oggi abbiamo apportato alcuni aggiornamenti al nostro elenco di nazioni proibite. L'elenco è disponibile sul nostro sito web e nel piè di pagina di ogni pagina. La nostra politica di sanzioni è guidata dal Bureau of Industry and Security (BIS) del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti e dall'Office of Foreign Assets Control (OFAC)", ma che in seguito hanno rimosso quei blocchi una volta che non ne avevano più bisogno - e da allora hanno continuato a rimuoverli.

Non si tratta di un nuovo sviluppo, ma piuttosto della conferma di un fatto ben noto agli utenti di criptovalute: Alcuni Paesi sono soggetti a sanzioni che limitano i servizi disponibili per i loro cittadini.

OpenSea ha confermato il divieto in un aggiornamento dei suoi termini di servizio pubblicato il 26 marzo:

"A causa delle restrizioni imposte dalla legge statunitense, vi sono alcuni paesi dai quali non è possibile effettuare acquisti sui Servizi. Se si tenta di acquistare o vendere da/a un account situato in uno di questi paesi, la transazione verrà bloccata e poi rimborsata se richiesto dalla legge."

L'elenco delle nazioni vietate comprende Cuba, Iran, Corea del Nord, Siria e altre.

OpenSea, il più grande mercato NFT, ha confermato di utilizzare un elenco di sanzioni statunitensi per bloccare gli utenti di alcuni Paesi, tra cui Iran, Venezuela e Siria.

Domenica, un utente che si fa chiamare @NFTIran si è lamentato su Twitter di non poter accedere al sito. Questo ha spinto altri utenti a verificare che anche loro erano stati bloccati.

In risposta alle lamentele, OpenSea ha confermato di utilizzare l'elenco dell'Office of Foreign Assets Control (OFAC) degli Stati Uniti come "un'euristica approssimativa", ma ha promesso di rivedere la sua strategia.

"Blocchiamo alcune località sulla base di elenchi generali di sanzioni statunitensi, che utilizziamo come euristica approssimativa poiché siamo un'azienda con sede negli Stati Uniti e non disponiamo attualmente di risorse per valutare ogni singolo Paese", ha scritto un portavoce di OpenSea in un tweet di lunedì.

Il portavoce ha aggiunto che OpenSea sta "esaminando la questione più da vicino e spero di avere presto un aggiornamento!".

In un'intervista a CoinDesk, l'amministratore delegato di OpenSea Devin Finzer ha confermato che il mercato NFT con sede negli Stati Uniti utilizza l'elenco dell'Office of Foreign Assets Control (OFAC) degli Stati Uniti per vietare l'accesso agli utenti di determinati Paesi.

Finzer ha dichiarato che OpenSea utilizza un servizio di terze parti per controllare gli indirizzi IP degli utenti nell'elenco delle sanzioni e a qualsiasi utente il cui indirizzo IP corrisponda a un Paese dell'elenco viene impedito di utilizzare il sito.

Il modo in cui stiamo lavorando è fondamentalmente quello di prendere l'elenco delle sanzioni dell'OFAC, cercare gli indirizzi IP che riceviamo e impedire a questi indirizzi IP di iscriversi", ha dichiarato.

L'azienda ha recentemente aggiunto altri 26 Paesi all'elenco delle nazioni vietate, a fronte di un crescente dibattito sulle sanzioni internazionali e sull'attacco della Russia all'Ucraina.

Oltre a Russia, Iran e Corea del Nord, l'elenco comprende anche Afghanistan, Bielorussia, Burundi, Repubblica Centrafricana (RCA), Cina, Congo, Cuba, Repubblica Democratica del Congo (RDC), Egitto, Haiti, Iraq, Libano, Libia, Myanmar (Birmania), Nicaragua, Pakistan, Somalia, Sud Sudan, Sudan e Siria.

Secondo un post sul blog di OpenSea pubblicato il 1° marzo: "Crediamo che le criptovalute siano una delle poche tecnologie in grado di aggirare le sanzioni per le persone che vivono sotto regimi oppressivi e hanno bisogno di accedere ai servizi finanziari. Tuttavia, riconosciamo anche che questi stessi strumenti possono essere utilizzati per il riciclaggio di denaro".

La piattaforma vieta ora l'accesso a tutti gli utenti provenienti da Bielorussia, Burundi, Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo, Regione della Crimea, Cuba, Etiopia, Guinea-Bissau, Iran, Iraq, Libano, Liberia, Libia, Myanmar (Birmania), Corea del Nord (DPRK), Somalia, Sud Sudan e Yemen.

Inoltre, ai residenti dei seguenti Paesi è vietato partecipare alle attività del mercato secondario: Afghanistan; Bosnia-Erzegovina; Guyana; Pakistan; Serbia; Sri Lanka; Siria; Trinidad e Tobago; Tunisia e Vanuatu. Gli utenti di questi Paesi possono comunque utilizzare la piattaforma per creare collezioni, ma non sono autorizzati a elencare o acquistare oggetti in vendita.

Il marketplace di token non fungibili con sede negli Stati Uniti ha pubblicato un post sul blog che illustra i motivi per cui ha vietato l'accesso agli utenti di alcuni Paesi.

"Come azienda con sede negli Stati Uniti, dobbiamo rispettare le sanzioni statunitensi nei confronti di vari Paesi", ha scritto l'azienda. "Siamo anche fermamente convinti di non consentire transazioni che possano supportare attività dannose".

PayPal ha iniziato a vietare gli acquisti di criptovalute all'inizio di questa settimana, e OpenSea dice che sta "cercando attivamente metodi di pagamento alternativi per i nostri utenti". Il mercato NFT rimane il più grande al mondo, ospitando oltre $22 miliardi di vendite dal suo inizio.

I membri di OpenSea con indirizzi IP iraniani sono stati informati via e-mail che i loro conti erano stati cancellati e hanno ricevuto consigli su come ritirare i loro soldi entro sette giorni.

Al momento della pubblicazione, l'azienda non ha risposto a diverse richieste di commento, ma ha previsto di pubblicare un aggiornamento nel corso della giornata. Tuttavia, un portavoce dell'azienda ha dichiarato in un'e-mail che gli attuali NFT di autori iraniani non saranno rimossi dal sito.

Questo nuovo round di deplatforming da parte di OpenSea arriva nel contesto di crescenti tensioni globali in seguito all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, che ha spinto diversi governi a inasprire le sanzioni contro i miliardari con forti legami con Vladimir Putin. Tuttavia, non è chiaro perché siano stati colpiti gli utenti iraniani, piuttosto che altri.

Almeno un utente bannato che ha contattato TechCrunch ha dichiarato di essere "molto irritato" dalla notizia e di aver bisogno di risposte al più presto.

Articoli correlati

La SEC sta indagando su Coinbase per violazione dei valori mobiliari

La SEC sta indagando su Coinbase per violazione dei valori mobiliari

In un documento del tribunale, la SEC ha accusato Coinbase di offrire "almeno nove" monete che potrebbero essere classificate come titoli. Bloomberg riporta ora che la ...

Per saperne di più →
Bitcoin Lightning Network stabilisce un nuovo record di capacità

Bitcoin Lightning Network stabilisce un nuovo record di capacità

È stata raggiunta un'enorme pietra miliare con la Lightning Network, un sistema di pagamento di secondo livello costruito sulla blockchain di Bitcoin. Ora detiene la più alta rete ...

Per saperne di più →
Marathon Digital raggiunge un livello senza precedenti a gennaio

Marathon Digital raggiunge un livello senza precedenti a gennaio

Marathon Digital, azienda leader nel settore delle criptovalute, a gennaio ha prodotto più Bitcoin che mai. La società ha estratto circa 74% di Bitcoin di nuova emissione questo mese ...

Per saperne di più →
it_ITItalian