Bitcoin non riesce a cadere ulteriormente; un rimbalzo?

Caduta del prezzo di bitcoin

I recenti eventi nel mondo delle criptovalute hanno lasciato numerosi investitori in un grave dilemma. Il Bitcoin, la criptovaluta più scambiata, ha iniziato a scendere nel novembre 2021, dopo aver raggiunto il massimo storico di $69.000 nello stesso periodo. Quando è iniziata la discesa di bitcoin, molti investitori e operatori di mercato che fanno trading con eToro e plus500 hanno pensato che si trattasse della solita volatilità del movimento dei prezzi. Purtroppo, non erano preparati a ciò che ha seguito la tendenza al ribasso.

Tuttavia, dopo essere sceso ai minimi da oltre otto mesi lunedì, scambiando fino a $32.983, il Bitcoin sembra aver iniziato una tendenza positiva al rialzo. La più grande criptovaluta per capitalizzazione di mercato è salita di 6,6% nelle tarde ore di martedì sera, scambiando a $37.183, mentre anche altri titoli azionari hanno chiuso la giornata in rialzo. Questa stabilità del prezzo del Bitcoin indica che, dopo la caduta, il Bitcoin è in procinto di rimbalzare e recuperare la sua posizione di rilievo nel mondo delle criptovalute, secondo le proiezioni degli esperti di criptovalute.

Si tratta di un suggerimento positivo per gli investitori in criptovalute, in particolare per coloro che negoziano Bitcoin, che all'inizio erano infastiditi da quella che sembrava essere una caduta senza fine del Bitcoin, viste le posizioni poco accoglienti di alcuni governi in tutto il mondo.

Brad Bechtel, responsabile globale di FX presso Jefferies, sostiene che il Bitcoin sia crollato a causa di "alcuni paesi come la Turchia che hanno parlato di vietare il Bitcoin come metodo di pagamento e anche di ulteriori controlli da parte del Tesoro degli Stati Uniti".

Anche il mercato delle criptovalute sta diventando più affollato: la Cina sta creando uno yuan digitale e sta accarezzando l'idea di lanciare la valuta in occasione delle Olimpiadi invernali di Pechino del 2022. Nel frattempo, la Banca d'Inghilterra ha annunciato la creazione di una moneta digitale della Banca centrale e di una task force per esplorarne gli usi.

"Anche le Big Tech stanno sviluppando le proprie versioni di criptovalute", hanno dichiarato gli analisti di Action Economics in una nota ai clienti. "Tutto ciò rappresenta una significativa concorrenza futura per le criptovalute come l'bitcoin". Allo stesso tempo, la criptovaluta ha ancora un gran numero di sostenitori.

"Non crediamo che nessuno di questi fattori cambi la storia fondamentale del Bitcoin, che sembra ancora supportato da un'offerta limitata e da un'ampia adozione da parte degli investitori istituzionali e retail", ha scritto in una nota Win Thin, responsabile globale della strategia valutaria di Brown Brothers Harriman.   

E le altre criptovalute?

Oltre all'bitcoin, altre criptovalute hanno subito una spinta nelle ultime 24 ore. Ether, che è sceso fino a $2.176, il suo minimo in 8 mesi secondo Coin metrics. La seconda criptovaluta per importanza è salita di 1,1% nelle ultime 24 ore, arrivando così a $2.444. Sia bitcoin che Ether sono scesi di 45% e 49% dai rispettivi massimi storici.

In generale, le criptovalute sembrano lavorare in tandem con le azioni, che hanno continuato a scendere dall'inizio dell'anno. In effetti, questi titoli sono appena usciti dalla loro ultima settimana dal marzo 2020 dello scorso anno. Gli investitori si stanno preparando a politiche monetarie più restrittive da parte della Federal Reserve. A tal fine, hanno iniziato a vendere asset di rischio come i titoli tecnologici.

Preoccupazioni per la regolamentazione di Bitcoin

Juthica Chou, responsabile del trading di opzioni OTP di Kraken afferma che è possibile che le preoccupazioni macroeconomiche, come la risposta del governo federale degli Stati Uniti all'inflazione, abbiano favorito il verificarsi di attività meno rischiose in molti mercati finanziari.

Juthica ha poi aggiunto che l'alta volatilità dell'bitcoin, unita al recente calo dei prezzi, porterà probabilmente a ulteriori vendite, in quanto gli operatori e i detentori cercano di ridurre il rischio.

Anche gli investitori stanno valutando la situazione e sono sempre più preoccupati dell'impatto che avrà un'ulteriore regolamentazione del mercato delle criptovalute. Proprio la scorsa settimana la Russia si è aggiunta all'elenco dei Paesi che hanno deciso di vietare il mining delle valute digitali, in particolare del Bitcoin.

Il vicepresidente di Luno per lo sviluppo aziendale e l'espansione internazionale, Vijay Ayyar, ha dichiarato in un'intervista che, dato il sentimento attuale, è probabile che il bitcoin raggiunga la fascia $30.000-$32.000. Ha poi ipotizzato che se il Bitcoin si mantiene al di sopra di $30.000 per una settimana, si formerà una base a quel livello prima che la criptovaluta possa salire. Questa formazione di base dà a bitcoin tempo sufficiente per diventare rialzista, dato il calo di fiducia degli investitori.

I giorni del Bitcoin secondo gli esperti

Molti analisti hanno dichiarato di prevedere che $30.000 sarà il nuovo supporto per il Bitcoin. Tuttavia, un analista di ricerca di 22V, John Roque, afferma che il Bitcoin non ha finito di scendere, e si aspetta che la moneta scenda ancora. Ha anche dichiarato di aver sempre mantenuto $30.000 come obiettivo, ma ha notato che il mercato orso storico mediano per il Bitcoin è sceso di 78%.

Numerosi investitori stanno combattendo l'inflazione insieme a questo mercato sensibile. Gli appassionati di Bitcoin hanno da tempo suggerito che la moneta è una copertura contro l'inflazione. Tuttavia, questa affermazione non è ancora stata dimostrata.

Se è vero che il Bitcoin ha perso circa 45% del suo valore rispetto al suo massimo storico di novembre, questo non ha smorzato l'interesse degli investitori al dettaglio, che si aspettano un rimbalzo del prezzo e stanno "comprando il calo", secondo un nuovo studio.

Circa 21% degli adulti statunitensi intervistati dal fornitore di informazioni Morning Consult stavano considerando l'acquisto di bitcoin BTCUSD, -0,57% al 24 gennaio, quando la criptovaluta era scambiata a un minimo di $32.983, secondo un rapporto di martedì. Il tasso è rimasto invariato rispetto all'inizio di novembre, quando il bitcoin è salito al suo massimo storico di $68,991, secondo il rapporto.

"Ciò significa che i consumatori si sono dimostrati finora meno nervosi riguardo al calo del prezzo dell'bitcoin questa volta rispetto alla scorsa estate, quando il suo prezzo era sceso", ha scritto Charlotte Principato, managing director di Morning Consult nel rapporto. Durante l'ultimo crollo dell'bitcoin, la quota di adulti statunitensi che stavano considerando l'acquisto della criptovaluta è scesa a 13% a luglio da 17% a maggio, come risulta dall'indagine.

Nonostante la recente flessione, i possessori di bitcoin si aspettano in media che il prezzo della criptovaluta salga a circa $55.223 entro sei mesi, secondo il rapporto. Le persone che detengono circa $500 in bitcoin sono le più rialziste e prevedono che la criptovaluta salirà a $62.439 entro i prossimi sei mesi. Al contrario, gli adulti statunitensi, in media, compresi quelli che non possiedono l'asset digitale, ritengono che il prezzo del bitcoin si attesterà intorno a $27.136 per un periodo equivalente.

In effetti, la maggior parte degli acquirenti investe in bitcoin perché pensa che il prezzo aumenterà, non perché crede nella tecnologia o nella promessa degli asset digitali, con 70% degli intervistati che citano "fare soldi" come ragione principale per investire, secondo lo studio.

In generale, gli investitori bitcoin tendono a essere più tolleranti nei confronti del rischio e sono quattro volte più propensi ad accettare semplicemente i rischi finanziari rispetto alla popolazione generale, in linea con il rapporto di Morning Consults.

È vero che BTC/USD è sceso di 9% a 43.486, ma la criptovaluta favorita "rimbalzerà dai minimi odierni grazie a un'adozione più ampia", ha dichiarato lunedì in un'e-mail Brad Yasar, CEO di EQIFI. "L'adozione diffusa... potrebbe vedere BTC raggiungere $100.000 nel 2022, o forse già nel novembre 2021 se ci sarà un rally", ha aggiunto Yasar.

Le osservazioni rialziste sul BTC arrivano mentre il mercato delle criptovalute è stato coinvolto in un sentimento di risk-off, in quanto gli investitori hanno messo in pausa gli asset rischiosi a causa dei crescenti timori di una contrazione del credito in Cina.

Il China Evergrande Group, la seconda più grande società immobiliare cinese, ha più di $300 miliardi di debiti e, stando a quanto riportato, non riuscirà a rispettare la scadenza per il pagamento degli interessi sulle sue obbligazioni offshore prevista per giovedì.

Poiché il settore immobiliare è una componente chiave dell'economia nazionale, gli investitori sono sempre più preoccupati che una più ampia crisi di liquidità possa ostacolare la crescita economica cinese e globale.

Nonostante questo scenario, c'è motivo di ottimismo tra i segnali di miglioramento dei fondamentali della rete Bitcoin, o blockchain. "L'azione del prezzo del Bitcoin e le risposte degli investitori sulla catena sembrano relativamente robuste", ha scritto Glassnode nel suo rapporto settimanale sulla catena.

"I saldi complessivi di scambio hanno continuato a diminuire questa settimana, raggiungendo un nuovo minimo pluriennale di 13,0% di offerta circolante questa settimana", ha aggiunto. "A sostegno di questa osservazione, c'è una lettura del flusso netto di scambio profondamente negativa (deflussi) questa settimana, con deflussi di BTC attuali che si verificano a un tasso di -92k BTC/mese".

L'aumento dei deflussi dagli scambi di bitcoin è spesso un indicatore rialzista della domanda, a dimostrazione del fatto che un numero crescente di investitori sta spostando le proprie monete dagli scambi ai portafogli privati per conservare l'bitcoin a lungo termine.

Notizie correlate

it_ITItalian