Il tribalismo di Bitcoin soffoca il settore delle criptovalute, CEO di Ripple

Afferma che il tribalismo frena l'innovazione nello spazio delle criptovalute.

Il Bitcoin rimane la criptovaluta numero uno per capitalizzazione di mercato e rappresenta più di 40% della capitalizzazione totale del mercato delle criptovalute.

Brad Garlinghouse, amministratore delegato di Ondulazione, racconta recentemente CNBC che il tribalismo che circonda il Bitcoin e le altre criptovalute sta attualmente soffocando il progresso delle criptovalute. 

Bitcoin e Ripple sono due delle criptovalute più conosciute. Il Bitcoin è la criptovaluta originale, mentre il Ripple è un'ultima arrivata.

Garlinghouse afferma che "si parla molto di massimalismo del Bitcoin", ma che il Bitcoin non può essere l'unica criptovaluta. Secondo Garlinghouse, il tribalismo frena l'innovazione nello spazio delle criptovalute.

Secondo Garlinghouse, il mercato delle criptovalute è valutato oggi circa $2 trilioni, ma ha spazio per uno sviluppo ancora maggiore. Secondo Garlinghouse:

"Ritengo che la polarizzazione sia negativa. Perché possiedo bitcoin, ether e altre criptovalute. Sono fermamente convinto che il settore continuerà a crescere".

Per quanto riguarda il consumo energetico di Bitcoin, Garlinghouse ha affermato che si tratta di un "problema reale", ma che viene affrontato dall'industria.

Ha inoltre affermato che il Bitcoin potrebbe essere utilizzato come valuta di riserva, come l'oro.

In termini di regolamentazione, Garlinghouse ha affermato che gli Stati Uniti devono adottare un approccio "leggero" per consentire all'innovazione di prosperare.

Garlinghouse sostiene che tutte le principali criptovalute possono continuare a svilupparsi senza influenzarsi a vicenda.

Egli paragona l'attuale mercato delle criptovalute all'era delle dot-com della fine degli anni '90 e dei primi anni 2000. Afferma che:

"Yahoo ed eBay potrebbero avere successo", ha continuato. "Stanno affrontando problemi diversi. Ci sono molti casi d'uso e pubblico; ogni mercato ha un insieme distinto di clienti. Ritengo che oggi ci siano delle somiglianze tra loro".

Nonostante l'espansione del settore, alcune criptovalute hanno sviluppato un seguito di appassionati.

I massimalisti del Bitcoin e dell'Ether abbondano, così come i massimalisti di altre criptovalute come Solana.

Tuttavia, Garlinghouse ritiene che questa segmentazione stia danneggiando il settore delle criptovalute più che aiutarlo.

Ha dichiarato che la frazionalizzazione ha avuto un impatto sulle attività di lobbying di Washington nei confronti dei legislatori del settore. Garlinghouse aggiunge che:

"La mancanza di coordinamento tra il settore delle criptovalute a Washington, D.C., mi sembra incredibile".

A marzo il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, firma un ordine esecutivo che chiede al governo di studiare i pericoli e i vantaggi delle criptovalute.

L'ordine chiedeva inoltre alle agenzie federali di presentare un rapporto sulla questione entro 180 giorni.

Dal 2020 è in corso una battaglia legale tra la Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense e Ripple.

Quando l'agenzia di regolamentazione accusa l'azienda di aver emesso titoli non registrati attraverso la vendita di token XRP.

La Securities and Exchange Commission (SEC) ha citato in giudizio Ripple e alcuni dei suoi dirigenti per aver venduto quasi $1 miliardi di XRP in una vendita di titoli non registrata.

Negli ultimi mesi la SEC ha intrapreso azioni contro diversi progetti Bitcoin ed Ethereum di alto profilo.

Queste azioni inducono alcuni a ritenere che l'autorità di regolamentazione statunitense stia individuando i progetti di criptovaluta costruiti su altri blockchains oltre al Bitcoin.

Il CEO di Ripple, Brad Garlinghouse, si è espresso contro il tribalismo di Bitcoin nello spazio crittografico, affermando che sta soffocando l'innovazione.

In un'altra intervista, Garlinghouse afferma che il tribalismo dei Bitcoin è "uno dei più grandi problemi" che l'industria delle criptovalute deve affrontare oggi.

Aggiunge che questo tribalismo impedisce alle persone di lavorare insieme per risolvere i problemi comuni e porta invece a molte "lotte intestine" all'interno del settore.

Garlinghouse ha anche invitato i progetti Bitcoin ed Ethereum a unirsi e a lavorare su soluzioni per il bene del settore, piuttosto che competere l'uno contro l'altro.

Pensa che il tribalismo di Bitcoin sia un problema per l'industria delle criptovalute?

Notizie correlate

it_ITItalian