Criptovalute: Dubai attrae le principali società di criptovalute

Dubai, una città degli Emirati Arabi Uniti, sta rapidamente diventando un hub per le criptovalute e le imprese blockchain.

Nel tentativo di attrarre investimenti in criptovalute nel Paese, Dubai ha creato regole estremamente favorevoli per questo tipo di attività.

Ad esempio, a Dubai non esiste un'imposta sul reddito delle persone fisiche o delle società.

Di conseguenza, le principali società di criptovalute si stanno affrettando ad aprire nuove filiali a Dubai grazie alle nuove licenze per gli asset virtuali.

In questo modo, Dubai è l'ultimo Paese che sta cercando di diventare un hub per gli investitori e le imprese di criptovalute, seguendo le orme della provincia canadese dell'Alberta.

Una delle principali società di criptovalute, Bybit, prevede di trasferire la propria sede globale da Singapore a Dubai.

Per essere in grado di competere con le sue controparti nel campionato delle criptovalute.

Bybit intende aderire BinanceFTX, e Crypto.com per stabilire un punto d'appoggio nella città ultramoderna di Dubai.

Secondo il Dipartimento per lo Sviluppo Economico (DED) di Dubai, il nuovo quadro normativo per le attività di criptovaluta comprenderà tre tipi principali di licenze.

Si tratta della licenza di trading, della licenza di custodia e di fornitore di servizi di portafoglio e della licenza di promotore di offerte iniziali di monete (ICO).

Perché le imprese di criptovalute stanno spostando la loro base, soprattutto da un Paese come Singapore? Ecco la risposta.

Mentre Singapore ha concesso solo poche approvazioni ai gruppi crittografici che hanno richiesto le licenze.

Dubai, invece, ha attirato con successo la big-league delle criptovalute.

Con l'avvio del suo sistema di licenze, che sembra essere più completo di quello di Singapore.

Finora, l'Autorità per i servizi finanziari di Dubai ha ricevuto circa 50 richieste per le nuove licenze.

L'agenzia afferma che concederà le licenze entro due settimane alle aziende richiedenti.

Da Singapore, il cambiamento avviene

In precedenza, Singapore è stata definita uno dei principali hub crittografici dell'Asia.

Dopo che lo scorso anno la Cina si è scagliata pesantemente sugli asset digitali con una dura regolamentazione, gli investitori in criptovalute sono alla ricerca di pascoli più verdi.

Attualmente, il convoglio di criptovalute sembra essere decollato.

Diverse aziende del convoglio si sono rivolte a un luogo più ricettivo, con normative migliori che favoriscono il loro progresso.

Una di queste società è Binance, il più grande exchange di criptovalute per volume.

A marzo l'azienda ha annunciato l'apertura di un ufficio a Dubai.

Dubai si è dimostrata una destinazione più attraente per le imprese di criptovalute e blockchain, grazie alle sue normative chiare e all'atteggiamento permissivo.

La borsa delle criptovalute aveva precedentemente - nel dicembre 2021 - firmato un accordo con Dubai World Commercio Center - un parco commerciale esente da imposte - nel tentativo di fornire consulenza sul quadro normativo dello Stato del Golfo.

La Digital Asset Regulatory Authority, istituita all'inizio del mese, ha ora rilasciato una licenza a Binance.

Questo dimostra che Dubai sta diventando una destinazione privilegiata per molte società di criptovalute, in quanto offre un ambiente favorevole alla regolamentazione.

Tuttavia, ci sono speculazioni sulla competenza del processo di regolamentazione a Dubai.

Di conseguenza, il Gruppo di azione finanziaria internazionale - un'agenzia mondiale di controllo del riciclaggio di denaro, ha inserito gli Emirati Arabi Uniti nella loro lista di "elenco grigio.”

Dove monitoreranno attentamente le procedure delle operazioni di criptovaluta per prevenire il flusso di denaro sporco.

Il ruolo dei regolatori occidentali nella regolamentazione di Dubai

Avvocati e precedenti autorità di regolamentazione nel Regno Unito e negli Stati Uniti hanno sostenuto che.

Che il semplice rilascio di licenze alle borse di criptovalute non è una prova sufficiente del fatto che siano autorizzate sotto un'adeguata supervisione. 

Dubai, tuttavia, sta cercando di dimostrare di essere al top della regolamentazione.

Implementando un ambiente di prova "sandbox" in cui gli scambi possano operare prima di ottenere una licenza completa.

È evidente che con questi sviluppi Dubai sta compiendo uno sforzo concertato per affermarsi come uno dei principali operatori del settore crittografico.

Notizie correlate

it_ITItalian