Criptovalute e Web3: il futuro di Internet?

Per essere qualcosa che non esiste ancora, il web3 sta sicuramente facendo scalpore nello spazio internet. Le icone tecnologiche discutono e proiettano teorie idealistiche sui social media. Gli investitori non sono rimasti fuori dal dibattito sulle criptovalute e sul web3, alcuni hanno investito molto denaro in imprese costruite sulla base del web3 e ingegneri di grande calibro stanno lasciando il loro lavoro per concentrarsi sul web3 e partecipare prima che il suo spazio diventi affollato.

Sfortunatamente, la percezione del web3 da parte del pubblico è qualcosa che è stato progettato per confonderlo piuttosto che per portarlo alla luce. Di conseguenza, questa percezione errata ha creato una crisi nell'industria tecnologica, in particolare nel mondo delle criptovalute. Pertanto, per il bene degli stakeholder del settore delle criptovalute, è fondamentale sapere che cos'è veramente il Web3.

Che cos'è esattamente il Web3?

Per comprendere meglio il concetto di Web3.0 in relazione all'industria della crittografia, è importante tracciare la storia e l'evoluzione di Internet. Le tre epoche di Internet sono le seguenti:

Il Web 1.0 è il primo stadio dell'evoluzione di Internet: era l'era delle pagine web statiche, con pochissima interazione per gli utenti finali. Non c'erano opportunità di creatività come oggi, poiché la maggior parte delle pagine web sono di "sola lettura" per molte persone. 

Un decennio dopo, il Web 2.0 si è evoluto e ha portato con sé l'Internet abbagliante e facile da usare che utilizziamo attualmente. L'evoluzione del Web2 ha offerto alle persone pagine web eccezionalmente interattive come YouTube e i social media. 

A differenza del periodo Web1.0, l'era del Web2.0 ha permesso alla massa di persone di diventare creatori in molti modi diversi. Inoltre, ha portato all'ascesa di giganti tecnologici come Google, Facebook, Twitter, Amazon e molti altri.

Questo periodo ha portato doni e opportunità straordinarie a miliardi di persone in tutto il mondo, ma ha anche comportato dei costi.

Passiamo ora alla domanda: che cos'è il Web3? In parole povere, Web3 è la terza versione del World Wide Web. Il Web1.0 è la prima fase dell'evoluzione di Internet negli anni Novanta.

Si tratta di un internet alternativo decentralizzato, basato sulla tecnologia blockchain, la tecnologia che guida molte delle principali criptovalute. 

Dopo aver spiegato il Web3, la domanda successiva è: cos'è la tecnologia blockchain? La tecnologia Blockchain funziona come un registro pubblico delle transazioni che viene aggiornato da più computer in tutto il mondo.

Infatti, numerosi investitori e alcuni giganti della tecnologia come Twitter e altri hanno iniziato a utilizzare la tecnologia blockchain.

L'introduzione del web3 si basa su un futuro in cui la proprietà e il potere di Internet sono più ampiamente distribuiti tra gli utenti. Questo web futuristico si basa sulla trasparenza fornita dalla tecnologia blockchain.

Si tratta di una nuova e coraggiosa visione del futuro, che tende a sottrarre il controllo di Internet alle grandi aziende. In sostanza, consentirà ai cittadini di tutti i giorni di controllare i propri dati e la propria privacy. 

Web3, quando sarà completamente implementato, offrirà agli utenti il diritto di essere coinvolti nelle grandi decisioni prese dalle piattaforme tecnologiche. Offrirà agli utenti il potere democratico di prendere decisioni su ciò che accade nelle grandi aziende tecnologiche di tutto il mondo. 

Il problema del nostro attuale web impostazione

Uno dei problemi del nostro web attuale è l'eccessiva centralizzazione del potere in una manciata di aziende, a un livello che il mondo non ha mai compreso. La verità è che molti di questi giganti tecnologici hanno entrate superiori al PIL della maggior parte dei Paesi messi insieme, più informazioni private sui loro utenti di qualsiasi altra entità e più autorità di molti governi del mondo. Tutto ciò avviene senza un effettivo controllo o supervisione da parte dei governi.

Ad esempio, quando i creatori caricano contenuti su YouTube, sono completamente alla mercé della piattaforma. YouTube cattura la maggior parte del valore dalle visualizzazioni dei video, vi inserisce pubblicità e può vietare completamente o chiudere l'account di qualcuno se lo decide. 

Possono introdurre da soli tutti i cambiamenti che vogliono nell'esperienza di tutti, con l'unico "voto" dei creatori che possono uscire dalla loro piattaforma e gestire la loro attività altrove. Chiedete a chiunque abbia gestito una parte sostanziale della propria attività attraverso YouTube, la prima volta che ha avuto un problema reale... quello è il momento in cui ci si rende conto di quanto siamo impotenti nei loro confronti. 

Vi ricordate anni fa quando YouTube ha disattivato la "notifica automatica" e ha costretto gli utenti a cliccare manualmente sulla campanella di notifica per ricevere le notifiche? Voglio anche che ci ricordiamo quando hanno ridotto i pagamenti ai creatori? O quando l'hanno fatto di nuovo? O ancora? 

Attualmente, se si guardano i guadagni di Google (la società madre di YouTube)? Si può vedere quanto sia cresciuto in modo astronomico. Eppure, chi contribuisce ai contenuti non ha voce in capitolo su ciò che gli accade. Ora, immaginate un sistema costruito su idee quasi simili a Bitcoin o Ethereum, una sorta di YouTube decentralizzato (qualcosa che diversi progetti stanno attivamente costruendo in questo momento). 

Pertanto, se esistesse una rete decentralizzata che permettesse di ospitare i propri video proprio come YouTube. Gli utenti finali potrebbero avere la stessa identica esperienza di YouTube oggi. Tuttavia, nella parte posteriore, invece di far confluire tutto il denaro nel bilancio di qualche altra società, quel denaro rimarrebbe nella comunità e pagherebbe le persone che gestiscono la rete? 

Per essere più chiari, immaginate i "minatori di Bitcoin", ma invece di competere per risolvere un puzzle e sprecare tutta quell'energia, ospitano video per gli utenti in cambio di un pagamento. Immaginate poi se, possedendo la "moneta" di quella criptovaluta, possedeste una quota di quella rete e aveste diritto alle commissioni pagate all'interno della rete e poteste votare su ciò che accade nella rete. Quale piattaforma pensate che gli utenti e i creatori preferirebbero utilizzare? 

Quale modello economico pensate sia più sostenibile a lungo termine? Ovviamente il modello in cui gli utenti partecipano alle ricompense è una vittoria facile. È anche emerso che questo tipo di modello decentralizzato, organizzato e orchestrato con una sorta di moneta o token, è applicabile a un numero davvero fenomenale di attività e servizi internet.

Con il modello Web3, quindi, non si è solo un normale "utente" della rete, ma un vero e proprio proprietario. Questa è l'essenza stessa del Web3: siete proprietari dei vostri dati, possedete una parte delle reti con cui interagite, potete godere finanziariamente dell'attività economica che state contribuendo a guidare, avete un voto su ciò che accade e non siete più una semplice pedina nello scacchiere di qualcun altro. 

Siete trattati allo stesso modo, indipendentemente dal vostro sesso, razza, origine, orientamento, posizione o status nel mondo.

Indipendentemente dal vostro background parentale e dalla vostra situazione finanziaria, potete utilizzare il sistema, ricevere lo stesso trattamento e beneficiare della creazione e della partecipazione alla stessa rete. 

Pertanto, se trascuriamo la sete di controllo individuale, altrimenti nota come decentralizzazione. I giganti della tecnologia continueranno a vedere gli utenti come un prodotto del loro mondo. Mentre per le aziende può essere un mondo eccitante e vibrante, come utente finale non si possiede nulla. 

In realtà, la mancanza di decentralizzazione sulle principali piattaforme come Facebook, YouTube e altre, ha prodotto una situazione di "chi vince prende tutto", in cui solo le parti interessate decidono e gli utenti sono lasciati all'oscuro. 

John Perry Barlow, un attivista, nel suo libro "Dichiarazione di indipendenza del cyberspazio" ha affermato che Internet dovrebbe essere un cyberspazio in cui chiunque possa esprimere le proprie convinzioni senza temere di essere rinchiuso nel silenzio o nel conformismo, a prescindere da quanto singolari siano queste convinzioni.

Molte volte vediamo sulle piattaforme di social media casi di bannaggio e blocco di utenti finali, a causa di una violazione o dell'altra. In realtà, molti di questi blocchi sono davvero inutili, perché l'utente avrebbe potuto essere corretto con una semplice ammonizione o un avvertimento. Grazie al mondo delle criptovalute e al movimento che lo accompagna, è iniziata una rivoluzione per correggere questo squilibrio.

La questione della decentralizzazione e della proprietà nel Web3 ci porta alla domanda successiva: 

Perché Web3 si ispira alle criptovalute

Il pensiero di essere un protagonista del proprio investimento è un'ispirazione sufficiente per sostenere qualsiasi azione che crei questa possibilità.

Anche se gran parte dell'entusiasmo sembra provenire dalla comunità delle criptovalute, che ovviamente trarrebbe vantaggio da un Internet più basato sulla loro tecnologia. Molti degli entusiasmi hanno anche a che fare con alcune aziende di rilievo, tra cui Reddit, che si stanno muovendo per sviluppare servizi e piattaforme Web3.

Ad esempio, i sostenitori del Web3 concordano sul fatto che l'blockchains e le tecnologie associate riducono il potere di giganti tecnologici come Amazon.com Inc. o Instagram e aprono la strada a relazioni dirette tra le persone che vogliono collaborare con i colleghi, comunicare con gli amici o acquistare e vendere beni e servizi online.

Poiché il valore stimato valore di tutte le valute digitali è decollato lo scorso anno, con il valore totale del mercato delle criptovalute che ha superato i $3 trilioni all'inizio di novembre, così come l'aspettativa che il modello distribuito di questi token possa essere applicato a tutte le aree di Internet.

Quindi la linea di pensiero è la seguente: 'se l'bitcoin può funzionare così bene da essere scambiato su piattaforme come eToro e plus500perché non altri prodotti finanziari basati sulla blockchain come i prestiti e le assicurazioni?".

Un ultimo sviluppo forse più significativo è stata la spinta della società di venture capital Andreessen Horowitz a fare lobbying sul Web a Washington, D.C., all'inizio di ottobre 2021. La società, che ha investito faticosamente nelle criptovalute e in altre tecnologie blockchain, ha dichiarato di aver inviato dei rappresentanti a Capitol Hill e alla Casa Bianca per promuovere il Web3 come soluzione al consolidamento della Silicon Valley e per proporre regolamenti per il nascente ecosistema virtuale.

L'azienda di venture capital, entusiasta del web3, ha poi affermato che la criptovaluta non è solo il futuro della finanza, ma è anche pronta a trasformare ogni aspetto della nostra vita. 

L'azienda definisce web3 come l'internet di proprietà dei costruttori e degli utenti, sviluppato e inventato con i token. Un token in questo caso significa un atto di proprietà di un pezzetto di web.

Abbiamo visto quanto velocemente stanno crescendo gli NFT, facciamo bene a credere nel nuovo web?

Da quanto detto sopra, l'ispirazione del Web3 non riguarda solo le criptovalute e le tecnologie ad esse associate, ma ogni ambito della nostra vita. 

Criptovalute e Web3: la prossima era di Internet?

Alcuni esperti ritengono che lo scenario migliore per gli appassionati del Web3 sia che questa tecnologia si affianchi al Web 2.0, senza soppiantarlo completamente.

In altre parole, le reti sociali basate su blockchain, le imprese di transazione possono crescere e prosperare nei prossimi anni. Ma secondo gli studiosi di tecnologia, non è probabile che Facebook, Twitter o Google vengano messi completamente fuori gioco.

"Non sono in grado di dire chi vincerà", ha detto Dryhurst. "Ma le aziende Web2 inseriranno le idee Web3 nei loro servizi per rimanere rilevanti".

Egli ritiene che molti di noi vorrebbero essere pronti a portare i propri dati e la storia delle interazioni online ovunque vadano sul web, invece di rimanere su singole piattaforme web, quelle che alcuni chiamano i "giardini recintati" delle grandi aziende tecnologiche.

"Questa potrebbe essere un'esperienza fondamentalmente diversa da quella a cui siamo abituati oggi", ha detto Dryhurst. Egli ammette tuttavia che la libertà illimitata può portare a risultati preoccupanti per alcuni.

"Il patto faustiano è che un motivo equivalente al fatto che è eccitante che non ci sia nulla che impedisca alle persone di creare qualsiasi comunità di cui hanno bisogno, non posso impedire a qualcuno di costruire qualcosa di infernale", ha detto.

I social network decentralizzati si sono rivelati interessanti per i suprematisti bianchi e altri gruppi di estrema destra, ma Sam Williams, padre fondatore di Arweave, un progetto basato su blockchain per l'archiviazione dei dati online, ha dichiarato di confidare che la maggior parte delle piccole comunità riesca a capire quali discorsi siano consentiti online.

A conti fatti, il voto collettivo sulle regole di ingaggio sarà migliore di quello che gli utenti sperimentano oggi sulle principali piattaforme di social media.

"Se rimaniamo nel paradigma attuale, ci sposteremo sempre di più in un regno in cui una piccola manciata di aziende gestite da un piccolo numero di persone gestisce le nostre esperienze nel cyberspazio", ha affermato. "E in questo mondo i problemi delle Big Tech si aggraveranno".

Un'altra questione, naturalmente, è la supervisione governativa. I token basati sulla blockchain si trovano attualmente in una zona franca dal punto di vista normativo, ma le cose cambieranno presto perché l'amministrazione Biden inizierà a stabilire nuove regole per il settore.

Nonostante ciò, Web3 sta raccogliendo un forte impulso in direzione del nuovo Internet. Perché si basa sulla tecnologia blockchain che facilita le transazioni di criptovalute. Inoltre, grazie alla decentralizzazione, viene eliminato il problema degli intermediari. 

Nel corso di questo nuovo anno, transazioni per un valore di oltre $23 miliardi sono state scambiate in NFT in tutto il mondo e questa è solo la punta dell'iceberg, perché si moltiplicheranno in modo esponenziale. 

Il vortice dell'blockchain investirà tutti i settori, la governance e le istituzioni, poiché tutte le transazioni o i dati rilevanti possono essere registrati su un libro mastro pubblico non controllato da una singola entità aziendale, ma dalla tecnologia blockchain.

Pertanto, un accesso più decentralizzato a Internet, il Web 3.0, offre una sicurezza all'avanguardia per quanto riguarda la conservazione dei dati. Grazie all'intelligenza artificiale avanzata, gli utenti di tutto il mondo possono ora ricevere i migliori dati oggettivi.

Sviluppato con l'unico obiettivo di produrre un Internet accettabile per tutti, le reti peer-to-peer, i dati controllati dall'utente e la monetizzazione fungono da elementi costitutivi del Web3.

Utilizzando il nuovo Internet, gli utenti, in particolare la comunità delle criptovalute, possono ora godere di un'esperienza di navigazione più personalizzata che offre il controllo sui dati personali e sulle finanze, creando un'esperienza digitale complessivamente ricca.

Tuttavia, non è ancora certo se il web3 sarà un'alternativa all'internet tradizionale; ma da tutte le indicazioni sembra essere un passo significativo verso il futuro di internet e, in ultima analisi, consentirà alle persone di essere più libere e di prosperare.

Notizie correlate

it_ITItalian