Coinbase sospende i servizi di pagamento in criptovalute pochi giorni dopo il lancio in India

Coinbase sospende i servizi di pagamento in criptovalute pochi giorni dopo il lancio in India. La borsa di criptovalute Coinbase, con sede negli Stati Uniti, ha sospeso i suoi servizi di pagamento in India, pochi giorni dopo il lancio del servizio.

Coinbase ha dichiarato che ora supporterà solo la conversione da cripto a cripto in India.

Ha inoltre dichiarato di non avere "alcun piano per lanciare il trading da fiat a cripto".

La piattaforma ha lanciato i pagamenti UPI per i suoi clienti nel Paese il 6 maggio.

Gli scambi di criptovalute consentono di acquistare e vendere valute virtuali come Bitcoin ed Ethereum, che non sono sostenute da una banca centrale o da un governo.

La banca centrale indiana, la Reserve Bank of India (RBI), ha vietato alle entità regolamentate - come le banche - di trattare le criptovalute nell'aprile 2018.

Da allora, diversi cryptoSono nati alcuni scambi di valuta, tra cui Unocoin, Zebpay e Koinex, ma sono per lo più utilizzati da commercianti con sede in altri Paesi, che inviano denaro oltre confine per comprare e vendere criptovalute in India, secondo quanto riferito da dirigenti del settore e broker che hanno familiarità con la questione. "In termini di volume di transazioni, è insignificante", ha dichiarato Aneesh Kumar, analista della società di brokeraggio online Zerodha Securities Ltd, aggiungendo che la maggior parte degli utenti ha sede all'estero.

Coinbase, il più grande exchange di criptovalute degli Stati Uniti, ha sospeso i pagamenti in criptovaluta in India pochi giorni dopo aver lanciato i suoi servizi nel Paese. 

Questo giovedì, l'azienda ha scelto di sospendere l'UPI, o interfaccia universale dei pagamenti, che è un sistema di pagamento regolamentato dal governo. 

I clienti indiani che tentano di acquistare criptovalute sulla borsa statunitense Coinbase sono sfortunati e ricorrono a Twitter per esprimere il loro disappunto dopo aver ricevuto l'informazione che i pagamenti tramite l'interfaccia dei pagamenti unificati (UPI) non sono più disponibili. 

Le azioni di Coinbase sono scese del 2,5% nelle contrattazioni pre-mercato di lunedì in seguito al divieto, che 

limita i consumatori indiani ad acquistare beni virtuali su Coinbase in India. 

Coinbase è stato lanciato in India giovedì, anche se il suo UPI è gestito dalla National Payments Corporation of India (NPCI), una filiale della banca centrale del paese. 

Il giorno del lancio di Coinbase, l'NPCI ha twittato di non essere "a conoscenza di alcuno scambio di criptovalute che utilizzi UPI". 

Sebbene il sito web di Coinbase dichiari attualmente che i consumatori indiani possono acquistare criptovalute solo tramite UPI, gli utenti che vogliono vendere criptovalute devono utilizzare il servizio di pagamento immediato della NPCI. 

Il mese scorso, il parlamento indiano ha autorizzato un'imposta di 30% sui proventi delle criptovalute, tassando così gli asset virtuali nella fascia fiscale più alta. 

Secondo la Reuters, il settore delle criptovalute del Paese sud-asiatico ha un valore di circa $5,37 miliardi, pari a 400 miliardi di rupie. 

Secondo il Global Crypto Adoption Index 2021 di Chainalysis, l'India ha uno dei tassi più alti al mondo di investimenti in criptovalute. 

Dopo il Vietnam, l'India ha il più alto numero di utenti di criptovalute: più di 100 milioni di indiani investono in criptovalute, secondo una stima di TripleA, una startup fintech di Singapore.

A causa delle pressioni esercitate dalle autorità locali di regolamentazione dei pagamenti, la più grande borsa americana ha interrotto diversi servizi di pagamento sulla sua borsa indiana di recente fondazione. 

Coinbase, il più grande exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti, ha sospeso i servizi di pagamento attraverso la

United Payments Interface (UPI) sulla sua piattaforma per gli utenti indiani, a soli tre giorni dal lancio nel subcontinente sud-asiatico. 

La National Payment Corporation of India (NPCI) gestisce l'interfaccia di pagamento UPI, che supporta gli ordini di acquisto sui servizi indiani di Coinbase. 

Per i consumatori indiani, la borsa ha già modificato le informazioni sui metodi di pagamento sul proprio sito web, invitandoli a utilizzare l'Immediate Payment Service (IMP) per effettuare gli ordini di vendita. 

La National Payments Corporation of India (NPCI) è una speciale filiale della Reserve Bank of India (RBI) che dipende dal Ministero delle Finanze. 

Secondo l'agenzia di stampa finanziaria Business Standard, lunedì Coinbase ha dichiarato di essere "impegnata a collaborare con la NPCI e le altre autorità competenti per garantire il nostro allineamento con le aspettative locali e le norme del settore" e di essere "impegnata a collaborare con la NPCI e le altre autorità competenti per garantire il nostro allineamento con le aspettative locali e le norme del settore". 


Coinbase ha rimosso il supporto per lo strumento di pagamento UPI dalla sua app in India, rendendo il suo omonimo exchange inutilizzabile per qualsiasi ordine di acquisto a meno di quattro giorni dall'introduzione dello strumento di trading nel secondo mercato internet più grande del mondo. 

Quando gli utenti indiani cercano di acquistare uno dei token presenti nell'app di Coinbase, viene detto loro che l'opzione di pagamento UPI è "temporaneamente non disponibile". 

Secondo gli utenti, i test e il sito web di assistenza dell'azienda, l'app incoraggia gli utenti a provare un altro metodo di pagamento, anche se al momento non consente altre opzioni di pagamento per gli acquisti nella nazione. 

(Il Servizio di pagamento immediato è ancora supportato per la vendita dei gettoni). 

L'azione arriva in risposta a un'osservazione insolita rilasciata dalla National Payments Corporation of India, l'ente di regolamentazione che controlla UPI.

Anche dopo l'annuncio del lancio dei servizi da parte di Coinbase, giovedì l'NPCI ha dichiarato in un comunicato di non riconoscere lo status legale di alcuno scambio di criptovalute che utilizzi la United Payments Interface (UPI) della RBI. 

L'ente di regolamentazione UPI del Paese, che ha dichiarato poche ore dopo il debutto di Coinbase in India all'inizio di questa settimana, di non essere a conoscenza di alcuno scambio di criptovalute che utilizzi il meccanismo di pagamento UPI. 

Alcune settimane fa, Coinbase ha iniziato a testare i pagamenti UPI in India. 

Più tardi, Coinbase ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava di essere impegnata a collaborare con l'NPCI e le altre autorità competenti e che stava sperimentando diverse opzioni di pagamento. 

Giovedì TechCrunch ha chiesto a Coinbase se prevedeva di continuare a supportare i pagamenti UPI mentre lavorava con diverse autorità. 

L'azienda non ha risposto all'inchiesta. 

Il motivo della sospensione potrebbe derivare da questa osservazione: 

"In merito alle notizie diffuse dai media sull'acquisto di criptovalute tramite UPI, la National Payments Corporation of India desidera chiarire che non siamo a conoscenza di alcuna transazione di questo tipo né di alcuno scambio di criptovalute che utilizzi UPI". 

La brusca interruzione del servizio non sembra aver irritato gli utenti indiani di Coinbase. 

Aditya Singh, cofondatore del canale YouTube Crypto India, ha twittato lunedì scorso ai suoi 210.000

segue: "Non è una novità, anche le borse indiane hanno avuto difficoltà nel servizio di pagamento dal 2018". 

Ma al momento i trader indiani di criptovalute sono probabilmente abituati all'incoerenza dell'accessibilità dei servizi di trading. 

Il governo indiano non è riuscito a sviluppare un quadro legislativo valido per le criptovalute, visto che dall'anno scorso gli operatori di mercato hanno assistito a diversi casi in cui le criptovalute sembravano essere vietate nel Paese. 

Alcune autorità indiane, come T. Rabi Sankar, vice governatore della Reserve Bank of India, chiedono un divieto assoluto.

Tuttavia, tale divieto non si è ancora concretizzato da quando, il 31 marzo, la nazione ha introdotto una tassa di 30% sul trading di criptovalute, identica alla tassa sul gioco d'azzardo. 

Correlato: Lo stato del Web3: la comunità discute le opportunità in tutto il mondo 

Coinbase Ventures, il braccio di investimento della società, ha dichiarato il mese scorso che investirà $1 milioni nelle attività indiane di criptovalute e Web3. Il destino di queste iniziative non sembra essere compromesso dall'interruzione del servizio della borsa.

La dichiarazione dell'autorità per i pagamenti, un ramo della banca centrale indiana, sottolinea il motivo per cui altri scambi di criptovalute in India hanno faticato a implementare l'UPI, il modo più comune con cui gli indiani effettuano transazioni online. 

Sebbene le criptovalute non siano vietate nel mercato dell'Asia meridionale, la Reserve Bank of India ritiene che gli asset digitali virtuali richiedano ulteriori indagini. 

La Corte Suprema indiana ha annullato il divieto della Reserve Bank of India sulle criptovalute più di due anni fa, ma le banche, per la maggior parte, continuano a stare dalla parte della banca centrale. 

Secondo la dichiarazione dell'NPCI, l'UPI è ancora un no-go per le criptovalute in India. 

L'argomentazione si inserisce in un momento in cui è entrata in vigore la nuova legge indiana sulla tassazione dei proventi delle criptovalute a 30%. 

Da un lato, l'India sembra legittimare le criptovalute, ma dall'altro le istituzioni finanziarie del Paese stanno ancora facendo il bello e il cattivo tempo. 

L'ingresso di Coinbase in India all'inizio di questa settimana mirava a rafforzare la posizione della società nel Paese, dove impiega oltre 300 dipendenti ed è un investitore attivo in numerose imprese locali di criptovalute, tra cui le due principali borse locali, CoinSwitch Kuber e CoinDCX. 

Il co-fondatore e CEO di Coinbase, Brian Armstrong, ha dichiarato all'inizio di questa settimana che la società 

stava facendo una scommessa a lungo termine sull'India e progettava di più che triplicare il suo personale nel paese, portandolo a 1.000 unità.

quest'anno. 

Anche FTX, una borsa di criptovalute piuttosto giovane e concorrente crescente di Coinbase, ha iniziato a estendere la sua presenza in India. 

Secondo una persona che ha familiarità con la situazione, il braccio di investimento della società sta lavorando con

poche aziende della nazione. 

Secondo TechCrunch, l'azienda starebbe anche discutendo di investire nella società indiana di fantasy sport MPL.

"In riferimento alle recenti notizie diffuse dai media sull'acquisto di criptovalute tramite UPI, la National Payments Corporation of India desidera chiarire che non siamo a conoscenza di alcuno scambio di criptovalute che utilizzi UPI", ha dichiarato la NPCI in un comunicato. 

Al momento, solo poche borse consentono di fare trading di criptovalute utilizzando i bonifici bancari IMPS. 

In particolare, almeno sei borse bitcoin in India hanno supportato il portafoglio elettronico Mobikwik. 

Il 9 aprile Coinbase ha risposto all'annuncio pubblico dell'NPCI dicendo: "Siamo consapevoli della recente dichiarazione rilasciata dall'NPCI in merito all'utilizzo di UPI da parte degli scambi di criptovalute". 

Ci impegniamo a collaborare con l'NPCI e con le altre autorità competenti per garantire il rispetto degli standard locali e delle normative di settore".

In India, gli scambi di criptovalute hanno avuto problemi di pagamento da quando la Reserve Bank of India (RBI) ha vietato alle banche di consentire tali transazioni nel 2018. 

Nonostante il divieto sia stato annullato dalla Corte Suprema due anni dopo, le banche sono ancora riluttanti a eseguire transazioni legate alle criptovalute. 

In seguito alla dichiarazione dell'NPCI, anche MobiKwik, l'unico aggregatore di pagamenti digitali che supporta le transazioni in criptovalute, ha cessato le operazioni. 

Secondo Moneycontrol, i bonifici bancari sono ormai utilizzati solo in poche operazioni. 

"Anche dopo l'istituzione del nuovo regime di tassazione, per gli aggregatori di pagamenti vige la regola tacita di evitare gli scambi di criptovalute". 

"Quasi tutti i nostri membri stanno evitando di alimentare gli scambi", ha dichiarato all'Economic Times Vishwas Patel, responsabile del Payments Council of India. 

Secondo Patel, questi scambiatori sono stati veloci nell'utilizzare i loro ID, cambiandoli con competenza quando uno più vecchio si è bloccato. 

La strategia a lungo termine di Coinbase in India 

Coinbase è entrata in India nel momento in cui il sistema fiscale regressivo è entrato in vigore il 1° aprile. 

La proposta di una TDS di 1% e di un'imposta fissa di 30% sulle entrate derivanti dalle criptovalute e da altri beni digitali virtuali, probabilmente soffocherà l'attrattiva dei token virtuali. 

Coinbase, invece, ha un orizzonte temporale di due decenni. 

Attraverso il suo braccio di investimento Coinbase Ventures, ha investito $150 milioni in due criptovalute unicorno, CoinSwitch e CoinDCX. 

"Abbiamo appena iniziato il nostro esperimento". 

Il nostro impegno è a lungo termine. 

Il viaggio sarà lungo. 

"Vogliamo essere modesti, cortesi e fornire la tecnologia in modo affidabile", ha spiegato il 7 aprile Surojit Chatterjee, Chief Product Officer di Coinbase, 

L'azienda sta testando l'implementazione dell'UPI su un piccolo numero di consumatori. 

Il suo amministratore delegato, Brian Armstrong, ha dichiarato che l'azienda intende assumere 1.000 lavoratori in India quest'anno, oltre ai 300 dipendenti a tempo pieno già presenti sul libro paga. 

Coinbase ha dichiarato di essere "impegnata a lavorare" con il gruppo di riferimento indiano per i pagamenti e i regolamenti al dettaglio "per garantire il nostro allineamento con le aspettative locali e le pratiche del settore". 

Secondo il sito web della società, in India sono disponibili solo transazioni da cripto a cripto. 

Più nazioni, più regole e più problemi. 

L'errore ha evidenziato le difficoltà che le imprese di criptovalute devono affrontare quando cercano di espandere la loro portata mondiale. 

Secondo Logan Allin, managing partner di Fin Venture Capital, "i diversi Paesi hanno diversi livelli di sviluppo e atteggiamenti nei confronti degli asset digitali". Tuttavia, è noto che le imprese fintech, in particolare le società di criptovaluta, si espandono in altri Paesi senza prima garantire la conformità alle norme. 

"Gli scambi di asset digitali come Coinbase hanno continuato a perseguire la strategia di chiedere il perdono piuttosto che il permesso, che non è un paradigma praticabile su scala globale", ha dichiarato Allin al Protocollo. 

Molte imprese di criptovalute hanno a che fare con governi che "hanno scelto un tono cauto e conservatore con pochissime prescrizioni e chiarezza normativa, producendo ulteriore incertezza e problemi di piede a livello aziendale". 

Coinbase attribuisce un grande valore all'India. L'azienda si è espansa rapidamente in un Paese famoso per 

la sua abilità tecnologica.

Le operazioni di Coinbase in India, che hanno debuttato l'anno scorso, impiegano oltre 300 persone. 

Quest'anno l'azienda punta ad aggiungere oltre 1.000 persone. 

Armstrong ha dichiarato che Coinbase Ventures, il braccio di venture della società, ha investito $150 milioni di euro in imprese indiane di criptovalute e Web3. 

Ha inoltre ricordato come l'India abbia "sviluppato un'infrastruttura completa per l'identificazione e i pagamenti digitali e l'abbia applicata su larga scala e ad alta velocità... 

Credo che le criptovalute abbiano un futuro brillante nel nostro Paese. 

Siamo entusiasti di far parte di questo futuro". 

Rallentare potrebbe essere la soluzione. 

Il reclutamento di Coinbase in tutto il mondo non si limita all'India; l'azienda sta cercando leader nazionali e direttori generali regionali in tutto il mondo. 

Secondo Melody Brue, analista di Moor Strategy & Insights, "le relazioni e la vicinanza" potrebbero aiutare l'azienda a superare il sistema indiano, e lo stesso vale altrove. Non è una magia.

Notizie correlate

it_ITItalian