Il prezzo del Bitcoin potrebbe raggiungere i 400k entro il 2030: pannello di specialisti di criptovalute

Il recente rapporto di vaticinazione dei prezzi di Finder mostra che un gruppo di specialisti ha prognosticato Bitcoin per aumentare e raggiungere il picco di $93.700 quest'anno.

Tuttavia, l'intenzione della Fed di aumentare i tassi di interesse influenzerebbe questo prezzo, facendolo scendere a $76.400 alla fine dell'anno.

Secondo un Prezzo del Bitcoin rapporto di previsione da Finder, un pannello di esperti in settori tra cui NFT, FinTech e crypto ha rilasciato le sue previsioni su dove il valore di Bitcoin è diretto in futuro.

Il pannello, che comprendeva 33 specialisti, prevede che il più grande asset digitale del mondo avrebbe raggiunto il picco di circa $93.700 prima di scendere a $76.400 alla fine dell'anno. Inoltre, il panel ha previsto che entro l'anno 2025, Bitcoin varrà almeno $192.800, e cinque anni dopo, il suo valore dovrebbe avvicinarsi a un enorme $406.400.

L'impatto della decisione di interesse della Fed sul prezzo del Bitcoin

A differenza di un sondaggio identico tenuto in ottobre, dove i partecipanti erano più ottimisti, i membri del panel hanno trovato che l'intenzione della Federal Reserve di aumentare i tassi di interesse entro il primo trimestre dell'anno influenzerà criptovalute. La metà dei pannellisti ritiene che un aumento dei tassi di interesse potrebbe contemporaneamente affondare il prezzo di Bitcoin.

"[La] prima metà del 2022 sarà governata dalle preoccupazioni per l'aumento dei tassi di interesse, che potrebbe avere un impatto su tutti gli asset di rischio, compreso il Bitcoin. Non saremmo sorpresi di vedere il Bitcoin scendere di un ulteriore 30% dai livelli attuali", ha spiegato il CEO del gruppo Panxora, Gavin Smith.

Tuttavia, Smith nota che se il prezzo del Bitcoin dovesse scendere, il crollo sarà solo temporaneo. Infatti, si aspetta che il Bitcoin possa riprendersi e raggiungere nuovi massimi verso la fine dell'anno.

"Poiché l'inflazione continua a salire, ci aspettiamo che il Bitcoin si disaccoppi dagli altri asset di rischio entro la seconda metà del 2022, portando a un rally verso nuovi massimi verso la fine dell'anno", ha aggiunto.

Molto ribassista? No

I membri del panel hanno anche stabilito che il Bitcoin è l'asset che ha più probabilità di performare al meglio in un mercato ribassista esteso - 45% di loro lo hanno individuato. Il docente senior dell'Università di Brighton, Paul Levy, ha spiegato che il Bitcoin si qualifica come il bene da far prosperare perché è un bene crittografico già affermato.

Ethereum è stata la seconda scelta, con 15% dei membri del panel che l'hanno propagandata come miglior performance in caso di un cripto crollo prolungato. Il fondatore di CoinFlip, Daniel Polotsky, ha spiegato che Ethereum era la quantità più piccola del mercato speculativo che questo tipo di mercati diventa pronunciato in situazioni ribassiste.

"Ethereum ha il maggior numero di sviluppatori, la massima usabilità e quasi dieci volte la quantità massima di valore totale bloccato sul suo blockchain come il suo concorrente più vicino. Il progetto è testato in battaglia ed è pronto per un mercato orso, a differenza di altre monete meno provate", ha sostenuto.

Polkadot (DOT) e USDC erano le due monete successive previste per prosperare nel mercato prolungato.

Entro la fine di quest'anno, bitcoin (BTC) può colpire il livello di 66.000 dollari, così come salire sopra i 400.000 dollari entro la fine del 2030, coerente la previsione mediana dei prezzi da 42 operatori del settore, intervistati da una piattaforma di confronto e servizio di conoscenza Finder. Anche se ci sono alcune prospettive più pessimistiche, come BTC che scende a 100 dollari.

Ragioni per l'alta proiezione del prezzo di Bitcoin

Gli autori Madeleine Gracie e Tim Falk hanno detto che hanno chiesto a un "pannello di 42 criptovaluta esperti cosa c'è in serbo per la moneta". Include il CEO di Coinmama Sagi Bakshi, il CEO di BitBull Capital Sarah Bergstrand, l'amministratore delegato di Digital Capital Management Ben Ritchie, il direttore di CryptoCompare James Harris, il co-fondatore di CoinGecko Bobby Ong, il socio generale di Morgan Creek Digital Xavier Segura, il docente di diritto all'Università di Liverpool Matthew Shillito e altri.

Secondo questi panellisti, potrebbe verificarsi qualche calo di prezzo a medio termine. Tuttavia, entro dicembre del 2021, il valore del BTC avrà superato il suo ultimo massimo storico (ATH) di circa 65.000 dollari e potrebbe aver raggiunto 66.284 dollari.

Entro dicembre 2025 la previsione mediana dei prezzi mostra che il BTC potrebbe salire a 318.417 USD - 61% sopra la loro previsione fatta a dicembre 2020, ma 12% più bassa di quella fatta ad aprile.

Justin Chuh, Senior Trader di Wave Financial, per esempio, ha detto che i BTC saranno in una tendenza al rialzo, finendo il 2025 a 210.000 dollari e il 2030 a 400.000 dollari.

Per Chuh, "il dimezzamento degli eventi e l'inflazione lungo la strada verso il 2025 e il 2030 probabilmente innescheranno i più grandi movimenti al rialzo. I prezzi saranno probabilmente continuamente guidati dalla domanda e dall'offerta, meno disponibilità per un gruppo più ampio di utenti".

Allo stesso modo, il Co-CEO di ZebPay, Avinash Shekhar, ha sostenuto che un tasso di adozione più alto metterà pressione al rialzo sul prezzo, affermando che:

"Attualmente, l'accettazione generale di Bitcoin contribuisce a una piccola percentuale della popolazione terrestre. La crescente accettazione avrà un impatto sul riconoscimento e quindi sull'utilità dell'bitcoin. Sarà ingiusto costare bitcoin contro fiat quando questo accadrà e quindi, bitcoin avrà un proprio valore intrinseco nel tempo a venire".

Un po' più della metà del pannello, o 55%, dicono che ora è il momento di comprare BTC. 38% dicono di hodl e solo 7% dicono di vendere.

Nel campo dei "compratori" c'è il dottorando dell'Università di Saskatchewan, Ajay Shrestha, che stima che il BTC potrebbe valere 50.000 dollari entro la fine dell'anno, ma anche che aumenterà a 300.000 dollari entro la fine del 2030.

Il docente senior della Brighton Business School, Paul Levy, tuttavia, sostiene che "ci sarà un aumento delicato ma non drammatico" nel decennio successivo, che non si sposterà sostanzialmente dal recente ATH di BTC.

Nel frattempo, la professoressa associata dell'Università del Nuovo Galles del Sud, Elvira Sojli, dice "vendere". Prevede che i BTC varranno solo 100 dollari entro la fine dell'anno 2030.

Quanto in basso può scendere prima di risalire?

Per quanto riguarda quanto in basso si aspettano che il BTC scenda durante questo ciclo prima che i prezzi inizino a salire, Finder ha scoperto che il panel si aspetta che il BTC scenda fino a 25.112 dollari, che è una media delle previsioni di 23 panellisti che hanno risposto a questa domanda.

Il professore della University of Western Australia, Lee Smales e il direttore operativo di MarketOrders, Sukhi Jutla, prevedono che il BTC scenderà a 15.000 dollari entro l'anno.

E mentre il professore della UCL School of Management Jean-Philippe Vergne e l'analista di ricerca Trade the Chain Nicholas Mancini prevedono che BTC viaggerà rispettivamente fino a 28.584 e 30.000 dollari, hanno anche dichiarato che l'esodo dei minatori dalla Cina potrebbe rivelarsi vantaggioso per la moneta.

Tra i fattori che farebbero salire il prezzo del BTC ci sono la sua offerta limitata, la credibilità, la crescente accettazione da parte di imprese e società di servizi, il clamore dei media, la semplicità di accesso e i prossimi sviluppi tecnologici.

I fattori che potrebbero frenare il BTC includono problemi di scalabilità, preoccupazioni per l'estrazione mineraria che diventa più difficile con il tempo, concorrenza di mercato/mercato sempre più affollato, aumento della regolamentazione, mancanza di adozione, disaccordi della comunità su cambiamenti e aggiornamenti, e storie negative dei media.

Tra gli altri risultati, il rapporto ha notato che 62% dei pannellisti hanno detto che non pensano che stiamo entrando in un mercato orso, 17% hanno detto che lo siamo, mentre 21% non sono sicuri.

Un numero uguale di panellisti ha detto che il BTC diventerà e che non diventerà la forma più comune di valuta nei paesi in via di sviluppo (33%), mentre altri 21% hanno detto che lo farà, ma molto più tardi lungo la strada, non entro il prossimo decennio.

Il 54% del panel stima anche che l'iperbitcoinizzazione - il momento in cui Bitcoin sorpassa la finanza globale - avverrà entro il 2050, mentre il 44% non si aspetta che avvenga mai.

Alle 8:14 UTC, Il BTC viene scambiato a 32.577 dollari. È salito di 2% in un giorno e sceso di quasi 4% in una settimana. È anche sceso di quasi 20% in un mese, mentre è salito di 253% in un anno.

Un altro rapporto di FSInsight prevede che Bitcoin dovrebbe terminare l'anno nel range da $138k a 222k. Il rapporto ha anche indicato che Ethereum potrebbe raggiungere $12k poiché è notevolmente sottovalutato

La società di dati di mercato FSInsight ha previsto che Bitcoin potrebbe raggiungere $222.000 ed Ethereum crescere al massimo come $12.000 entro l'ultima metà dell'anno. In un recente rapporto, Digital Assets in A Post-Cycle World, l'azienda ha detto che una varietà di cose potrebbe lavorare a favore delle monete spingendole ad avere successo nel prezzo previsto.

Diverse metriche del prezzo del Bitcoin sono rialziste

FSInsight ha spiegato che Bitcoin sta mostrando una migliore efficienza del mercato e non ha esibito un rapido e insostenibile apprezzamento dei prezzi come nei cicli precedenti, il che potrebbe essere attribuito al suo passaggio da un metodo di pagamento a una riserva di valore.

Inoltre, il rapporto ha citato l'aumento della correlazione tra il prezzo del Bitcoin e i titoli tecnologici, notando che l'asset digitale ha mostrato un maggiore co-movimento con le azioni nell'ultimo trimestre. Il capo della strategia degli asset digitali presso l'azienda Sean Farrell spiega che questo esempio è emerso come il denaro della finanza tradizionale si sta facendo strada nelle criptovalute.

"La correlazione è diventata più pronunciata con Bitcoin e quindi il più ampio mercato delle criptovalute che ora è fortemente correlato con i titoli tecnologici a causa del capitale del mercato legacy che entra nell'ovile", ha detto Farrell.

La mancanza di valutazioni troppo spumeggianti potrebbe essere attribuita al fatto stesso che l'ultimo dimezzamento di Bitcoin nel maggio 2020 ha causato un aumento relativamente più basso del market cap di Bitcoin, 370%, rispetto all'aumento di 420% osservato nel 2016.

Il prezzo di mercato della moneta in base al rapporto di Valore Realizzato è un altro fattore che stimolerebbe il rally del valore. Il MVRV di Bitcoin mostra livelli bassi come aprile 2020, una misura in cui la moneta ha visto una ripresa e ha stabilito una corsa rialzista a $57.000.

FSInsight dice anche che le dinamiche dell'offerta hanno un ruolo da giocare in questa previsione. Il rapporto ha osservato che un minimo di 75% dell'offerta circolante di Bitcoin è illiquida, quindi una prospettiva rialzista.

 "L'attuale dinamica dell'offerta può essere descritta come una polveriera. La questione rimane chi accende il fiammifero", si legge nel rapporto.

Ethereum è notevolmente sottovalutato

Per Ethereum, il rapporto ha sottolineato l'impatto disinflazionistico del meccanismo di bruciatura che è venuto implementando il protocollo EIP-1559. Inoltre, gli analisti di FSInsight hanno osservato che la transizione verso il consenso PoS avrebbe anche giocato un ruolo nel guidare il valore più alto.    

Farrell ha aggiunto che l'espansione delle applicazioni finanziarie decentralizzate e l'aumento dell'adozione degli NFT ha reso la rete Ethereum altamente sottovalutata.

"Tutti gli asset possono scaricarsi e scendere di altri 50% se la Fed aumenta 4% domani o il mese prossimo. Ma attualmente, allo stato attuale delle cose, l'upside sia del prezzo del Bitcoin che dell'ETH è molto più grande del downside", ha sostenuto.

Queste rimangono solo previsioni che potrebbero essere giuste o sbagliate, ma l'ottimismo regna sovrano.

Correlato

it_ITItalian